Durante tutto il periodo dell’anno è possibile recuperare funghi freschi, alcune specie prediligono la Primavera, altre invece spuntano dopo le piogge estive o autunnali.

Le condizioni Metereologiche, atmosferiche e igrometriche del suolo , con la temperatura fanno da padrone… e anche la Luna dice la sua, scandendo fasi di crescita e nascita.

Di solito vado nel bosco di mattina presto, attrezzato di indumenti caldi e ricambi per le giornate instabili, con l’immancabile coltello, che un vero fungaiolo ha sempre con se. Ai sacchettidi plastica prediligo sempre  cestini di vimini e anche un bastone, per farmi spazio tra i rovi.

Una cosa molto importante quando si parte per la raccolta  è l’osservazione delle specie arboree, grazie a quelle infatti riusciamo a capire dove potrebbero nascondersi i funghi e quali tipi. Appena trovate la specie che state cercando, osservatela e fotografate l’ambiente in cui l’avete scovata.

Dopodichè cogliete il fungo  con una leggera rotazione del polso per lasciare attaccato al terreno la parte radicale del MICELIO poi sistematelo adeguatamente nel cestino in modo che non si rompa.